Atto VII

 

 

Piazza di Cautano, sotto il gran tiglio, "'a Teglia", di fronte alla chiesa in seguito demolita.

Crocchio di paesani, in gran parte giovani. Tutti a commentare le conquiste di Pierluigi, medico e sindaco esemplare. Parlano della civilta', del benessere portato alle contrade piu' squallide della zona dall'opera di quest'uomo eccezionale. Amici e compari, vecchi e giovani, dunque, siedono sul muretto che circonda il tiglio. E confabulano.

 

 

I giovane - Fumati sempe sa pippa, z Peppi?

Z Peppino - Eh s, perch la pipa non fa male, come asserisce il nostro dottore. Questa, poi, un prezioso omaggio che mi ha portato mio figlio dalla Cina: percio' ogni boccata di fumo per me come un pensiero, un saluto che scambio con lui, con quel mio gran tesoro!

I giovane - E mo addo' sta su figliu vuestru?

Z Peppino - E' sempre in giro per il mare. Sta nella marina... E' una creatura rara, il mio Giovannino, ha gli stessi pregi che ha quel grande uomo che stato e che ancora adesso il nostro dottor Pierluigi...

I giovane - Eh, u sacciu! U dice sempe mamma quannu a facciu 'ncazza: "Vui ita uarda' i megliu, no i peggiu! Ita uarda' Giuvanninu 'e zi' Peppinu...". Pe quello che riguarda il dottor Pierluigi, certo, in paese simu tutti d'accordo: statu nu patre, nu frate, nu santu pe tutti quanti nui!

Z Peppino (seguendo con lo sguardo il fumo che sale verso l'alto) - Eh dici bene! Siamo tutti d'accordo su quanto dici! Voce di popolo, voce di Dio!

II giovane - Pe nui giueni il dottor Pierluigi un punto di riferimento! E' venutu da a gavetta, cume a paricchi nui 'e ca'! Eppure quanta strada ha saputo fare!

Z Peppino - Sin da piccolo, raccontano, ha manifestato intelligenza, saggezza, genialit! Eppoi che dire della sua fede! Una fede che lo ha sempre sorretto, come lui stesso tante volte ha dichiarato...

III giovane - A proposito 'e fede e d'umanit, si mo fosse passato 'nanzi a sta chiesa, certu si fosse fattu u segnu d'a croce e ci avesse salutatu cu chillu surrisu e cu chelle parole che sulu issu potea ave'! Peccatu che mo accussi' viecchiu e pocu e nienti pote sci'...

IV giovane - 'N ome che dava sempe ragione ai puerielli... 'N ome che ti fosse datu puru u core pe ti vede' cuntentu...

Z Peppino - Che dire della sua attivita' di sindaco? Voi siete troppo giovani e non potete ricordare le stradine fangose, chiene 'e prete, che era spesso rischioso attraversare... Ora, invece, grazie a lui, abbiamo strade piuttosto agevoli, ben collegate fra loro ed i paesi vicini.

V giovane - Mancu cosa 'e nienti, 'ncoppa Taurnu, l'Ostello della Gioventu', addo' vienghenu a fore e munnu pe vede' ste belle muntagne nostre, pe studia' e prete, che poi sono il migliore documento del passato, dicimu a verita'!

Una persona anziana - E ch'ima dice d'u rifugio d'i vecchiarielli?! Chella n'oasi vera e propria!

Z Peppino - S, aiti ragione, pero' chellu che mi pare chiu' importante 'e tutto il centro di Pronto Soccorso, installato nel bel mezzo della valle, laggiu' al Convento, sotto lo sguardo di Sant' Antonio e San Francesco, nonche' di San Bernardino da Siena ch'ebbe la vaghezza di fondarlo...

Altro interlocutore - Si tratta veramente di una grande conquista per tutti noi! Grazie a issu mo nu pueriellu che a 'ntrasatta si sente afferra' a 'nu male, nun adda chiu' a sbatte a Napuli o a Venevientu, sballuttatu ca e la' miezu a via, pe muri' prima d'u tiempu, cum' capitatu a tanta gente finu a pocu tiempu fa.

Altro ancora - E mo, benche' non sia piu' in forma, nun si sta dennu puru a fa pe' restaura' a chiesa e San Giuvanni, scarrupizzu e buonu?!

I giovane - Ima veramente ringrazia' Dio ca c' vulutu manna' questo grande uomo, vero benefattore dell'umanita'!

Altro giovane - Ah, m' venuta 'n'idea! Pecch nun u jamu a trua'?

Z Peppino - Perche' no? -Pero' alla spicciolata: due-tre di noi alla volta, si no u spaventamu! Quello che invece possiamo fare tutti insieme, in frotta, ora, andarci a fare un bel bicchiere di vino alla locanda, 'ncoppa Cautano! Che ne dite?

Uno dei giovani - Idea brillante!

Z Peppino - Offro io, naturalmente!

Uno dei giovani - E pecche' sempe vui?!

Z Peppino - Perche' la consuetudine e' legge! Offrivo sempre io anche quando frequentavo Napoli e Roma, da giovane (tra se': ahime', rovinandomi!...)

Il giovane - E va buo', grazie!

Altro giovane - Allora, jamu?

Tutti insieme - Jamu! Jamu!

Z Peppino - Evviva Bacco! Evviva l'umor forte della vite!

I giovane - Andiamo a brindare au paesiellu nuestru!

Tutti - Evviva! Evviva!

 

Bucaneve

10-12-2003